A seguito dell’entrata in vigore del Decreto Legge “Cura Italia”, sono state introdotte ulteriori misure di sostegno a carattere finanziario. In particolar modo è stata concessa la possibilità di sospendere il pagamento delle rate (solo capitale o capitale e interessi) per coloro che abbiano in corso affidamenti bancari, aperture di credito, mutui (anche prima casa), finanziamenti e leasing (con esclusione al momento del noleggio a lungo termine), o in caso di fidi a revoca di mantenere in essere l’accordato.

Si allega di seguito una circolare esplicativa che non ha la pretesa di indicare i passaggi necessari all’ottenimento della sospensione ma semplicemente un atto di indirizzo di ciò che è possibile mettere in atto in caso abbiate affidamenti o piani di ammortamento. Al momento né il governo né le banche stanno fornendo informazioni univoche, semplici e chiare. Sicuramente potrete però approcciare il problema con la vostra banca con maggiore consapevolezza e, nel frattempo, potrete inviare una PEC con le vostre richieste, naturalmente dopo il colloquio con il funzionario bancario.

Alleghiamo inoltre due prospetti, il primo pubblicato dal MEF e riguardante la possibilità di sospendere il pagamento delle rate di mutuo “prima casa”, il secondo relativo alla bozza di istanza da inviare, da parte dei titolari di imprese, al proprio istituto bancario per richiedere la sospensione delle rate in essere (nello stesso modulo trovate anche una bozza di autocertificazione).

In ogni caso dovrete contattare il vostro istituto in quanto questo potrebbe aver elaborato delle procedure interne che, pur rispettando la norma, divergono per modalità o modulistica da quelle sin qui emanate. Inoltre, consapevoli che il mondo bancario è spesso foriero di interpretazioni suggestive, andrà verificata anche la effettiva possibilità della sua sospensione.

Circolare_Mutui_Finanziamenti_sospensione_Covid19

ModuloSospensioneMutui2020_MEF

Mutui_finanziamenti_istanza+autocertificazione