Come ogni anno è giunto il momento di predisporre la propria dichiarazione dei redditi per l’anno 2015.

In base alla tipologia di reddito percepito, dovrà essere presentato il modello 730 o il modello Unico.

 

Coloro che abbiano percepito reddito di pensione, di lavoratore dipendente o indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente, potranno redigere la propria dichiarazione tramite il modello 730/2016.

Coloro che, invece, abbiano percepito reddito di impresa, di lavoro autonomo, da partecipazione o un reddito estero, dovranno utilizzare l’Unico 2016.

 

Relativamente al modello 730, la scadenza per l’inoltro era stata fissata per il prossimo 7 luglio, prorogata poi al 22 luglio.

Si precisa che coloro che possiedono i requisiti per presentare il Modello 730, ma possiedono anche investimenti o attività all’estero o hanno rideterminato il valore di partecipazioni e/o terreni, dovranno presentare alternativamente, o in aggiunta, il modello Unico, intercalari RW, RM e RT.

 

Per quanto riguarda il Modello Unico la scadenza per il versamento delle imposte è fissata al 16 giugno, con possibilità di posticipare il versamento al 18 luglio, con la maggiorazione dello 0,40%. Qualora dalla dichiarazione non dovessero emergere somme a debito, sia a saldo che in acconto, o queste dovessero essere interamente compensate, non sarà dovuta alcuna somma a titolo maggiorazione. Attualmente non è prevista alcuna proroga.

La presentazione telematica della dichiarazione dovrà avvenire entro il prossimo 30 settembre, mentre quella cartacea attraverso il servizio postale entro il prossimo 30 giugno.

 

Per i titolari di partita iva la presentazione della dichiarazione deve avvenire obbligatoriamente attraverso il canale telematico. Ciò è possibile sia per il tramite di professionisti abilitati o c.a.f., sia procedendo in proprio, utilizzando i canali Fisconline o Entratel dell’Agenzia delle Entrate, previa registrazione e codice PIN.

I contribuenti non titolari di partita iva, alternativamente, potranno presentare la propria dichiarazione tramite invio cartaceo presso un Ufficio Postale.

Analoghe modalità valgono nel caso di utilizzo del modello già precompilato dall’Agenzia delle Entrate e scaricabile dal sito www.agenziaentrate.gov.it

 

Lo studio è a disposizione per la predisposizione, l’elaborazione e l’invio di entrambi i modelli, non occupandosi della presentazione e del controllo di quelli precompilati.